ODONTOIATRIA E OSTEOPATIA

Odontoiatria e osteopatia

L'osteopatia, studiando il movimento del corpo umano e delle sue singole parti, si prefigge di arrivare a comprendere, interpretare e interagire con i meccanismi che, dinamicamente, influenzano positivamente o negativamente gli aspetti anatomo-funzionali.

Tale conoscenza viene desunta dall'osservazione e dall'approccio manuale, supportati e confortati dalla ricerca scientifica. Il principio olistico dell'unità corporea e dell'interazione di ogni singola parte con l'insieme costituisce il fondamento della cultura osteopatica.

Odontoiatria, kinesilogia medica applicata ed osteopatia

La qualità del movimento in tutte le sue forme rispecchia la qualità della vita e della salute.

L'osteopata ed il posturologo-kinesiologo, analizzando i movimenti corporei, evidenziano le limitazioni di mobilità delle singole articolazioni, considerano le specifiche qualità del movimento e gli schemi posturali adottati dal paziente. Successivamente si agisce manualmente, con interventi correttivi proporzionati al singolo decifit funzionale, atti a ristabilire condizioni di mobilità più fisiologiche. Le prescrizioni medico-farmacologiche e l'attività medica e odontoiatrica trovano nella metodica osteopatica un supporto adatto a ridurre, attraverso il solo trattamento manuale, rispettivamente costi e tempi di somministrazione e disabilità residue entrando in totale sinergia con gli obiettivi dell’odontoiatria biologica.

L' osteopatia e l'odontoiatria, avvalendosi dell'applicazione manuale di un concetto olistico di mobilità, mirano al ripristino del mantenimento dello stato di salute e di benessere dell'uomo e della donna. Una postura scorretta, le sequele cliniche meccaniche di un evento morboso o di un trauma, l'occlusione dentale squilibrata, generano spesso una riduzione della mobilità di una o più strutture corporee, divenendo così responsabile di un aggravio funzionale per l'organismo. La restrizione dei movimenti influenza, spesso provocando danni significativi, la naturale fisiologia dei tessuti; l'organismo risponde con adattamenti compensatori che, nel tempo possono predisporre l'insorgenza di dolore o di vere e proprie sindromi disfunzionali invalidanti.

L'intervento odontoiatrico e osteopatico mirano a riequilibrare manualmente e con semplici apparecchiature: struttura, funzione e postura.

Ne consegue maggior benessere per i tessuti dell'organismo con la scomparsa di tutto un corteo di sintomi ( cefalea, vertigini, dolori cervicali, articolari, muscolari ecc. ) e la remissione delle perturbazioni che a volte possono essere state anche molto invalidanti sotto l'aspetto fisico, masticatorio, metabolico e soprattutto psico emozionale.

Aspetto psico-emozionale

Secondo la scienza della Psicosomatica , l'aspetto emozionale svolge un ruolo preponderante in tutte le situazioni di perturbazioni generali, potrebbe esserne la causa, o un fattore concausale, o comunque anche una conseguenza di un disturbo organico. Per dirla con diversi autori e ricercatori: "Tutti i conflitti relazionali pesanti, non condivisi e trattenuti dentro di sé, possono causare disturbi organici" . A questo scopo , nel programma terapeutico e nel piano di trattamento per una riprogrammazione individuale globale, si fa una valutazione dell'aspetto psico-emozionale e comportamentale con un colloquio, con una seria ed approfondita indagine di tipo psico-grafologica e, in base ai risultati si danno le relative indicazioni per affrontare, in modo semplice ma radicale, tutte le eventuali situazioni di un malvissuto pregresso o attuale.

A questo scopo si possono utilizzare svariati metodi quali per esempio, psicoterapie brevi, integrazione neuro-emozionale, tecniche ed esercizi di bioenergetica, fino ad arrivare a tecniche di Meditazioni, chi qong, Tai chi ecc. ecc.